Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
6B_1261/2016
 
 
 
 
Sentenza del 13 dicembre 2016
 
Corte di diritto penale
 
Composizione
Giudice federale Denys, Presidente,
Cancelliere Gadoni.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
Ministero pubblico del Cantone Ticino, Palazzo di giustizia, via Pretorio 16, 6901 Lugano.
 
Oggetto
Lesioni semplici,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 18 aprile 2016 dalla Corte di appello e di revisione penale del Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che, con decreto di accusa del 7 ottobre 2014, il Procuratore pubblico ha ritenuto B.________ autore colpevole di lesioni semplici per avere, il 5 luglio 2014, colpito intenzionalmente A.________ provocandogli delle ferite attestate da un certificato medico agli atti;
che, statuendo sull'opposizione presentata dall'imputato, con sentenza del 1° settembre 2015 il Giudice della Pretura penale ha confermato l'imputazione contenuta nel decreto di accusa;
che, adita dall'imputato, la Corte di appello e di revisione penale (CARP) ne ha accolto l'appello con sentenza del 18 aprile 2016, prosciogliendolo dalla citata imputazione;
che questa sentenza è stata intimata il 27 aprile 2016 dalla Corte cantonale al patrocinatore dell'accusatore privato;
che, in precedenza, il 16 giugno 2015, l'accusatore privato avrebbe tuttavia revocato al legale il mandato di patrocinio;
che A.________ ha impugnato il giudizio della CARP con un "reclamo" del 2 novembre 2016 alla stessa Corte cantonale, da quest'ultima trasmesso al Tribunale federale per competenza;
che, a seguito dell'invito da parte del Tribunale federale a fornire un anticipo delle spese giudiziarie presunte, il ricorrente in particolare ha precisato di non avere saputo della trasmissione del gravame a questa Corte, giacché in tal caso avrebbe chiesto di essere ammesso al beneficio dell'assistenza giudiziaria e postulato di inoltrare ulteriori osservazioni;
che non sono state chieste risposte al ricorso;
che il Tribunale federale esamina d'ufficio se e in che misura un ricorso può essere esaminato nel merito (DTF 141 IV 298 consid. 1.1);
che contro le decisioni pronunciate in materia penale dalle autorità cantonali di ultima istanza, quale è in concreto la CARP, è di massima dato il ricorso in materia penale al Tribunale federale (cfr. art. 78 cpv. 1 e 80 LTF);
che il ricorso deve essere depositato presso il Tribunale federale entro trenta giorni dalla notificazione del testo integrale della decisione (art. 100 cpv. 1 LTF);
che giusta l'art. 49 LTF una notificazione viziata non può causare alcun pregiudizio alle parti;
che un caso di notificazione viziata può in particolare verificarsi quando una decisione è comunicata ad un terzo non abilitato a riceverla, per esempio nel caso in cui sia notificata al mandatario di una parte da lui non più rappresentata (cfr. JEAN-MAURICE FRÉSARD, in: Commentaire de la LTF, 2aed., 2014, n. 15 e 17 all'art. 49);
che il ricorrente sottolinea di avere revocato il mandato di patrocinio già il 16 giugno 2015, per cui la sentenza potrebbe essere stata notificata a torto al legale;
che in concreto tale questione, così come quella connessa della tempestività del gravame, può tuttavia rimanere indecisa, essendo l'allegato ricorsuale comunque inammissibile per carenza di motivazione;
che, conformemente a quanto stabilito dagli art. 95 e 96 LTF, il ricorso in materia penale al Tribunale federale può infatti essere presentato per violazione del diritto;
che, secondo l'art. 42 LTF, il ricorso deve contenere le conclusioni, i motivi e l'indicazione dei mezzi di prova (cpv. 1) e dev'essere motivato in modo sufficiente, spiegando nei motivi perché l'atto impugnato viola il diritto (cpv. 2; DTF 134 II 244 consid. 2.1);
che queste esigenze di motivazione sono in concreto del tutto disattese, visto che il ricorrente non si confronta con gli argomenti posti a fondamento del criticato giudizio della Corte cantonale e nemmeno tenta di dimostrare perché l'impugnata decisione violerebbe il diritto;
ch'egli si limita infatti a criticare genericamente l'esito dell'appello presentando una copia delle immagini TAC del suo massiccio facciale, senza tuttavia spiegare puntualmente per quali ragioni le considerazioni che hanno portato i precedenti giudici a prosciogliere l'imputato violerebbero il diritto;
che, fatti salvi determinati casi qui non realizzati (cfr. art. 43 LTF), il Tribunale federale non è di principio tenuto ad assegnare un termine per completare la motivazione del gravame (DTF 134 II 244 consid. 2.4);
che pertanto il ricorso, non motivato in modo sufficiente, può essere deciso sulla base della procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF;
che la domanda di assistenza giudiziaria non può essere accolta, essendo il gravame fin dall'inizio privo di possibilità di successo (art. 64 cpv. 1 LTF);
che le spese giudiziarie seguono la soccombenza e devono quindi essere accollate al ricorrente (art. 66 cpv. 1 LTF);
che tuttavia, considerata la particolarità del caso, si rinuncia in via eccezionale a prelevare spese giudiziarie a suo carico (art. 65 cpv. 2 LTF);
 
 
per questi motivi, il Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
Non si prelevano spese giudiziarie.
 
3. 
Comunicazione alle parti e alla Corte di appello e di revisione penale del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 13 dicembre 2016
In nome della Corte di diritto penale
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: Denys
 
Il Cancelliere: Gadoni