Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 

Regesto

Art. 19 cpv. 2, art. 47 e 50 CP; commisurazione della pena in caso di scemata imputabilitÓ; obbligo di motivazione.
Il giudice deve valutare la colpa (soggettiva) dell'autore partendo dalla gravitÓ oggettiva dell'atto. Nell'ambito di questa valutazione deve considerare (pure) la scemata imputabilitÓ. Deve spiegare in che misura quest'ultima attenua la colpa (consid. 5.5 e 5.6).
La valutazione complessiva della colpa dev'essere esposta nella sentenza, cosicchÚ sia possibile esaminare se la (ipotetica) pena che ne risulta sia adeguata e corrisponda al grado del carattere riprensibile dell'atto definito dal quadro edittale (consid. 5.7).
Di regola una pena adeguata all'atto e all'autore per un'unica infrazione dev'essere fissata nei limiti del quadro edittale. Pu˛ fuoriuscirne solo in presenza di circostanze eccezionali e ove la pena comminata per il reato in questione appaia, nel caso concreto, troppo severa o troppo mite. Una pena inferiore al quadro edittale ordinario pu˛ entrare in considerazione quando concorrono elementi di attenuazione della colpa rispettivamente della pena che relativizzano di molto un rimprovero in sÚ oggettivamente lieve di modo che la pena fissata entro i limiti ordinari urterebbe il senso di giustizia. Di regola la scemata imputabilitÓ da sola non conduce perci˛ a un abbassamento del quadro edittale ordinario della pena. Per questo occorre inoltre che circostanze rilevanti facciano apparire la colpa dell'autore come particolarmente lieve (consid. 5.8).

Inhalt

Ganzes Dokument:
Regeste: deutsch französisch italienisch

Referenzen

Artikel: art. 47 e 50 CP

Navigation

Neue Suche