Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
5A_556/2007 /biz
 
Sentenza del 2 novembre 2007
II Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudici federali Raselli, Presidente,
cancelliere Piatti.
 
Parti
A.A.________,
B.A.________,
C.A.________,
ricorrenti,
 
contro
I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, 6900 Lugano
 
Oggetto
interdizione,
 
ricorso in materia civile contro la sentenza emanata
il 9 agosto 2007 dalla I Camera civile del Tribunale
di appello del Cantone Ticino.
 
Considerando:
che con decisione 12 luglio 2007 l'autoritÓ ticinese di vigilanza sulle tutele ha pronunciato l'interdizione C.A.________ e ha invitato la Commissione tutoria regionale a chiudere la rappresentanza provvisoria e a nominare un tutore;
che il 9 agosto 2007 la I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino ha dichiarato irricevibile un appello contro tale decisione;
che con ricorso 28 settembre 2007 (impostato il 1░ ottobre 2007) C.A.________ attacca con i genitori A.A.________ e B.A.________ la sentenza d'appello e chiede la "sospensione dell'intervento della tutoria";
che i ricorrenti motivano il gravame con l'assenza di precedenti penali della famiglia, la capacitÓ di questa di soccorrere l'interessato, la mancanza di una richiesta d'interdizione da parte della famiglia e l'esistenza, due anni prima, di una situazione pi¨ grave senza l'istituzione di una tutela;
che con decreto del 4 ottobre 2007 il presidente della Corte adita ha respinto la domanda di effetto sospensivo per carenza di probabilitÓ di esito favorevole del ricorso;
che giusta l'art. 72 cpv. 2 LTF le decisioni sull'interdizione, sull'istituzione di un'assistenza o di una curatela e sulla privazione della libertÓ a scopo d'assistenza pronunciate dalle autoritÓ cantonali di ultima istanza (art. 75 cpv. 1 LTF) soggiacciono al ricorso in materia civile;
che in virt¨ dell'art. 100 cpv. 1 LTF l'atto ricorsuale dev'essere depositato presso il Tribunale federale entro 30 giorni dalla notificazione del testo integrale della decisione impugnata;
che l'art. 46 cpv. 1 lett. b LTF prevede una sospensione dal 15 luglio al 15 agosto dei termini stabiliti in giorni dalla legge o dal giudice;
che in base alla dichiarazione di ricevuta dell'atto giudiziario, la sentenza impugnata risulta essere stata notificata il 14 agosto 2007, motivo per cui il ricorso datato 28 settembre 2007 e consegnato alla posta il 1░ ottobre 2007 si rivela manifestamente tardivo;
 
che inoltre il gravame non contiene una motivazione sufficiente ai sensi dell'art. 42 cpv. 2 LTF, le argomentazioni ricorsuali non essendo in alcun rapporto con i motivi della sentenza impugnata;
che pertanto il ricorso, manifestamente inammissibile, pu˛ essere deciso nella procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. a e b LTF;
che le spese giudiziarie seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF).
 
Per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:
1.
Il ricorso Ŕ inammissibile.
2.
Le spese giudiziarie di fr. 300.-- sono poste a carico dei ricorrenti.
3.
Comunicazione ai ricorrenti e alla I Camera civile del Tribunale di appello del Cantone Ticino.
Losanna, 2 novembre 2007
In nome della II Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
Il presidente: Il cancelliere:
 
 
 
Drucken nach oben