Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
7B.240/2003 /bom
 
Sentenza del 2 dicembre 2003
Camera delle esecuzioni e dei fallimenti
 
Composizione
Giudici federali Escher, presidente,
Meyer, Hohl,
cancelliere Piatti.
 
Parti
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autoritÓ di vigilanza, via Pretorio 16, 6901 Lugano.
 
Oggetto
calcolo del minimo esistenziale,
 
ricorso 11 novembre 2003 contro la decisione emanata il 28 ottobre 2003 dalla Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autoritÓ di vigilanza.
 
Ritenuto in fatto e considerando in diritto:
1.
Nell'ambito delle esecuzioni promosse dalle cassa malati B.________ e C.________, l'Ufficio esecuzioni e fallimenti di Locarno aveva stabilito il minimo esistenziale mensile di A.________ in fr. 3'154.--.
2.
L'11 luglio 2003 il presidente dell'autoritÓ di vigilanza ha conferito effetto sospensivo a un ricorso presentato dall'escussa nel senso che dev'essere pignorato il reddito che eccede fr. 3'800.-- mensili. Con sentenza 28 ottobre 2003, dopo aver preso atto della comunicazione dell'Ufficio, secondo cui le spese di abitazione ammontano a fr. 1'221.-- invece di fr. 1'200.-- ritenuti in precedenza, ha parzialmente accolto il ricorso di A.________ e ha fissato il suo minimo d'esistenza in fr. 3'176.-- (fr. 3'154.-- + fr. 21.90 arrotondati a fr. 22.--).
3.
Con ricorso dell'11 novembre 2003 A.________ chiede al Tribunale federale di aumentare l'importo stabilito dall'autoritÓ di vigilanza - che ella afferma di non poter accettare - in modo tale da evitare un'ancora pi¨ grande catastrofe. Ella sostiene di non aver ricevuto l'importo di fr. 3'800.-- fissato nel decreto dell'11 luglio 2003. Indica poi che suo marito non dispone di alcun reddito e afferma che i giudici cantonali avrebbero fissato il minimo esistenziale tenendo conto di una sola persona. Il pignoramento non le permetterebbe inoltre di corrispondere i premi di cassa malati, fatto che causerÓ nuove esecuzioni. Ella rileva di dover pagare pure altre spese per elettricitÓ, medicamenti, franchigia, automobile, imposte, ecc.
 
Non sono state chieste osservazioni al ricorso.
4.
Giusta l'art. 79 cpv. 1 OG, l'atto di ricorso deve indicare le modificazioni della decisione impugnata che sono proposte ed esporre in modo conciso le norme di diritto federale violate dalla decisione impugnata e in cosa consiste la violazione. Ci˛ significa segnatamente che in un ricorso alla Camera delle esecuzioni e dei fallimenti, le conclusioni vertenti su una somma di denaro devono essere cifrate e la ricorrente non pu˛ limitarsi a domandare al Tribunale federale di fissare l'importo postulato (DTF 121 III 390 consid. 1).
4.1 Nella fattispecie la ricorrente si limita di chiedere al Tribunale federale di aumentare l'importo fissato dall'autoritÓ di vigilanza, senza menzionare alcuna cifra. Ella nemmeno indica gli importi che vorrebbe vedere inclusi nel minimo esistenziale. Ne segue che il gravame non soddisfa le esigenze poste dall'art. 79 cpv. 1 OG a un ricorso alla Camera delle esecuzioni e dei fallimenti del Tribunale federale e si rivela di primo acchito inammissibile.
4.2 A titolo del tutto abbondanziale si pu˛ rilevare che non Ŕ ravvisabile il motivo per cui la ricorrente ritiene che l'autoritÓ di vigilanza abbia fissato il minimo esistenziale basandosi su una sola persona, atteso che la predetta autoritÓ si Ŕ fondata sul minimo di base di fr. 1'550.--, applicabile nel caso di coniugi o due altre persone che formano una durevole comunione domestica. La decisione impugnata spiega inoltre che - in base alla giurisprudenza del Tribunale federale (DTF 121 III 20 consid. 3) - possono unicamente essere incluse nel minimo esistenziale del diritto esecutivo le spese che vengono effettivamente pagate e che in concreto i premi di cassa malati non vengono corrisposti. La ricorrente, limitandosi ad affermare che il pignoramento non le permette di pagare i premi correnti, non censura in alcun modo tale motivazione.
 
Per questi motivi, la Camera pronuncia:
1.
Il ricorso Ŕ inammissibile.
2.
Comunicazione alla ricorrente, alle controparti, all'Ufficio di esecuzione e fallimenti di Locarno e alla Camera di esecuzione e fallimenti del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, quale autoritÓ di vigilanza.
Losanna, 2 dicembre 2003
In nome della Camera delle esecuzioni e dei fallimenti
del Tribunale federale svizzero
La presidente: Il cancelliere:
 
 
 
Drucken nach oben