Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
1C_611/2016
 
 
 
 
Sentenza del 3 gennaio 2017
 
I Corte di diritto pubblico
 
Composizione
Giudice federale Merkli, Presidente,
Cancelliere Crameri.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
Consiglio di Stato della Repubblica e Cantone Ticino, Residenza governativa, 6501 Bellinzona.
 
Oggetto
licenza edilizia,
 
ricorso contro la decisione emanata il 30 novembre 2016 dal Giudice delegato del Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che con decisione del 20 settembre 2016 il Municipio delle Centovalli, dopo aver negato, con decisione del 3 novembre 2014, cresciuta in giudicato, il rilascio di una licenza edilizia a A.________, gli ha ordinato di procedere al ripristino di un tetto;
che il 18 ottobre 2016 il Consiglio di Stato ha dichiarato irricevibile il gravame inoltrato il 29 settembre 2016 dall'interessato;
 
che, adito da quest'ultimo, con giudizio del 30 novembre 2016 il giudice delegato del Tribunale cantonale amministrativo ne ha dichiarato irricevibile il ricorso;
 
che avverso questa sentenza A.________ presenta un ricorso al Tribunale federale, senza formulare proposte di giudizio;
 
che non sono state chieste osservazioni al gravame;
che il ricorso deve contenere le conclusioni, i motivi e l'indicazione dei mezzi di prova (art. 42 cpv. 1 LTF), nonché essere motivato in modo sufficiente, spiegando nei motivi perché e in che misura l'atto impugnato viola il diritto (art. 42 cpv. 2; DTF 140 I 320 consid. 3.2);
 
che secondo la costante giurisprudenza, quando, come in concreto, l'ultima autorità cantonale dichiara un ricorso inammissibile per ragioni formali e non procede all'esame di merito, il ricorrente deve addurre perché essa avrebbe accertato in modo arbitrario l'assenza dei presupposti formali e si sarebbe quindi a torto rifiutata di procedere all'esame di merito (DTF 123 V 335 consid. 1b; 118 Ib 26 consid. 2b, 134 consid. 2; cfr. anche DTF 138 III 46 consid. 1.2 pag. 48);
 
che il giudice delegato ha accertato che il ricorso presentato nella sede cantonale, non sufficientemente motivato e confuso, non conteneva alcuna conclusione o domanda di giudizio, aggiungendo, a titolo abbondanziale, che la decisione governativa di irricevibilità era comunque corretta, poiché il gravame non rispettava le esigenze di motivazione richieste dalla normativa cantonale;
 
che il ricorrente, limitandosi ad accennare a critiche di ordine generale, che esulano manifestamente dall'oggetto del litigio, non si confronta del tutto né con la motivazione d'irricevibilità né con quella abbondanziale poste a fondamento dell'impugnata decisione del giudice delegato, disattendendo in tal modo il suo dovere di motivazione (art. 42 LTF; DTF 138 I 97 consid. 4.1.4; 133 IV 119 consid. 6.3 pag. 121; vedi anche DTF 139 II 233 consid. 3.2 pag. 236);
 
che il ricorso, chiaramente non motivato, non può quindi essere esaminato nel merito e può essere deciso sulla base della procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF;
 
che le spese seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
 
per questi motivi, il Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
Le spese giudiziarie di fr. 300.-- sono poste a carico del ricorrente.
 
3. 
Comunicazione al ricorrente, al Consiglio di Stato e al Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 3 gennaio 2017
 
In nome della I Corte di diritto pubblico
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: Merkli
 
Il Cancelliere: Crameri
 
 
Drucken nach oben