Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
[AZA 0/2]
 
5P.99/2001
 
II CORTE CIVILE
****************************
 
3 aprile 2001
 
Composizione della Corte: giudici federali Reeb, presidente,
Bianchi e Raselli.
Cancelliere: Piatti.
 
___________
Visto il ricorso di diritto pubblico del 19 marzo 2001 presentato da A.________, Cevio, contro la sentenza emanata il 19 febbraio 2001 dalla Camera di cassazione civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino nella causa che oppone il ricorrente a B.________, Cevio, in materia di rigetto provvisorio dell'opposizione;
 
Ritenuto in fatto e considerando in diritto:
che B.________ ha escusso A.________ per l'incasso di fr.
888.--, importo corrispondente al saldo della pigione del mese di novembre 1999;
che con decisione 27 gennaio 2001 il Giudice di pace del circolo della Rovana ha rigettato l'opposizione interposta dall'escusso;
che con sentenza 19 febbraio 2001 la Camera di cassazione civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino ha dichiarato nullo un ricorso per cassazione presentato dal debitore;
che giusta il giudizio cantonale il gravame non ossequia i requisiti formali previsti dal codice di procedura civile ticinese all'art. 329, l'insorgente limitandosi a ribadire la legittimitÓ della sua trattenuta sulla pigione in compensazione dei danni subiti, senza indicare alcuna critica riferita alla decisione del giudice di primo grado inerente agli accertamenti istruttori o riguardante l'applicazione del diritto;
che il 19 marzo 2001 A.________ ha presentato al Tribunale federale un gravame con cui postula l'annullamento della sentenza cantonale e chiede di essere posto al beneficio dell'assistenza giudiziaria;
che le sentenze concernenti il rigetto - provvisorio o definitivo - dell'opposizione, emanate come nel caso in esame dall'ultima istanza cantonale, costituiscono decisioni finali ai sensi dell'art. 87 OG e possono unicamente essere
impugnate al Tribunale federale con un ricorso di diritto pubblico (DTF 120 Ia 256 consid. 1a, 111 III 8 consid. 1, 98 Ia 532 consid. 1 in fine);
che in virt¨ dell'art. 90 cpv. 1 lett. b OG un ricorso di diritto pubblico deve contenere l'esposizione dei fatti essenziali e quella concisa dei diritti costituzionali o delle norme giuridiche che si pretendono violate, precisando in cosa consiste la violazione;
che in concreto il rimedio non ossequia i predetti requisiti di motivazione, il ricorrente non allegando i motivi per cui sarebbe arbitrario negare che il ricorso per cassazione rispetti i presupposti formali dell'art. 329 CPC ticinese;
che il ricorso di diritto pubblico si rivela pertanto inammissibile;
che in queste circostanze anche la domanda di assistenza giudiziaria dev'essere respinta, facendo difetto il requisito delle probabilitÓ di esito favorevole (art. 152 OG);
che la tassa di giustizia segue la soccombenza (art. 156 cpv. 1 OG);
 
Per questi motivi
 
visto l'art. 36a OG
 
il Tribunale federale
 
pronuncia :
 
1. Il ricorso Ŕ inammissibile.
 
2. La domanda di assistenza giudiziaria Ŕ respinta.
 
3. La tassa di giustizia di fr. 500.-- Ŕ posta a carico del ricorrente.
 
4. Comunicazione alle parti e alla Camera di cassazione civile del Tribunale di appello del Cantone Ticino.
Losanna, 3 aprile 2001 VIZ
 
In nome della II Corte civile
del TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO:
Il Presidente,
 
Il Cancelliere,
 
 
Drucken nach oben