Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
6B_27/2016
 
 
 
 
Sentenza del 4 febbraio 2016
 
Corte di diritto penale
 
Composizione
Giudice federale Denys, Presidente,
Cancelliere Gadoni.
 
Partecipanti al procedimento
1. A.________,
2. B.________,
ricorrenti,
 
contro
 
Ministero pubblico del Cantone Ticino, Palazzo di giustizia, via Pretorio 16, 6901 Lugano,
opponente.
 
Oggetto
Revisione, legittimazione a ricorrere,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 10 dicembre 2015 dalla Corte di appello e di revisione penale del
Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che, con sentenza del 22 gennaio 2015, la Corte delle assise criminali ha ritenuto C.________ autore colpevole di atti sessuali con fanciulli, coazione sessuale e pornografia nei confronti di un minorenne;
che l'imputato è stato condannato alla pena detentiva di 4 anni e 8 mesi, assortita da un trattamento ambulatoriale giusta l'art. 63 CP, nonché a versare alla vittima un importo di fr. 11'539.85 a titolo di risarcimento danni per le spese legali e un importo di fr. 30'000.-- quale indennità per torto morale;
che detta sentenza è passata in giudicato incontestata;
che, con scritto del 26 novembre 2015, A.________ e B.________, genitori della vittima, hanno chiesto alle autorità penali in particolare di potere essere parte in causa e di riaprire il procedimento penale, postulando altresì una riparazione del loro torto morale;
che lo scritto è stato trasmesso per competenza alla Corte di appello e di revisione penale (CARP), la quale, con sentenza del 10 dicembre 2015, lo ha considerato un'istanza di revisione giusta l'art. 410 segg. CPP e l'ha dichiarata irricevibile;
che A.________ e B.________ impugnano questa sentenza con un ricorso al Tribunale federale, lamentando in sostanza il loro mancato coinvolgimento nel procedimento penale;
che i ricorrenti postulano inoltre di essere ammessi al beneficio dell'assistenza giudiziaria;
che non sono state chieste osservazioni sul ricorso;
che il Tribunale federale esamina d'ufficio e con piena cognizione l'ammissibilità del ricorso sottopostogli (DTF 141 IV 298 consid. 1.1 e rinvii);
che, conformemente a quanto stabilito dagli art. 95 e 96 LTF, il ricorso in materia penale al Tribunale federale può essere presentato per violazione del diritto, nel quale rientra pure il diritto costituzionale (DTF 136 II 101 consid. 3; 134 IV 36 consid. 1.4.1);
 
che, secondo l'art. 42 LTF, il ricorso deve contenere le conclusioni, i motivi e l'indicazione dei mezzi di prova (cpv. 1) e dev'essere motivato in modo sufficiente, spiegando nei motivi perché l'atto impugnato viola il diritto (cpv. 2; DTF 134 II 244 consid. 2.1);
che queste esigenze non sono adempiute in concreto, visto che i ricorrenti non si confrontano con il giudizio di irricevibilità pronunciato dalla CARP e non tentano di dimostrare perché l'impugnata decisione violerebbe il diritto;
che oggetto della presente causa è infatti unicamente la questione dell'ammissibilità dell'istanza di revisione ai sensi dell'art. 410 segg. CPP;
che le argomentazioni concernenti il merito della causa sono quindi inammissibili;
che i ricorrenti non fanno valere una violazione degli art. 410 segg. CPP, spiegando con una motivazione conforme alle esigenze dell'art. 42 cpv. 2 LTF per quali ragioni la Corte cantonale avrebbe violato determinate disposizioni procedurali dichiarando irricevibile la loro domanda di revisione;
che pertanto il ricorso, non motivato in modo sufficiente, può essere deciso sulla base della procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF;
che la domanda di assistenza giudiziaria non può essere accolta, essendo il gravame fin dall'inizio privo di possibilità di successo (art. 64 cpv. 1 LTF);
che alla luce di quanto esposto, le spese giudiziarie dovrebbero essere accollate ai ricorrenti, in considerazione della loro soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
che in concreto si giustifica tuttavia di rinunciare a prelevare spese giudiziarie a loro carico (art. 65 cpv. 2 LTF);
 
 
 per questi motivi, il Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
Non si prelevano spese giudiziarie.
 
3. 
Comunicazione alle parti e alla Corte di appello e di revisione penale del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 4 febbraio 2016
 
In nome della Corte di diritto penale
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: Denys
 
Il Cancelliere: Gadoni
 
 
Drucken nach oben