Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
5A_362/2015
 
 
 
 
Sentenza dell'8 maggio 2015
 
II Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale von Werdt, Presidente,
Cancelliera Antonini.
 
Partecipanti al procedimento
A.________e B.________,
patrocinati dall'avv. dott. Marilisa Scilanga,
ricorrenti,
 
contro
 
Autorità regionale di protezione 3,
sede di Lugano Ovest, via dott. Polar 46, casella postale 246, 6932 Breganzona,
 
C.________ e D.________,
patrocinati dall'avv. Sebastiano Pellegrini,
E.________,
patrocinata dall'avv. Sandra Xavier,
F.________,
patrocinata dall'avv. Chiarella Rei-Ferrari.
 
Oggetto
collocamento di un minore,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 27 marzo 2015
dal Presidente della Camera di protezione del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che con decisione cautelare 14 novembre 2014 l'Autorità regionale di protezione 3, sede di Lugano Ovest, ha tra l'altro revocato il collocamento di F.________ (nata nel 2008 dalla relazione tra A.________ e E.________, privati della custodia parentale) presso la famiglia affidataria di C.________ e D.________ e conferito mandato al Servizio medico psicologico di X.________ di effettuare una valutazione psicodiagnostica approfondita della minore;
che con sentenza 27 marzo 2015 il Presidente della Camera di protezione del Tribunale d'appello del Cantone Ticino ha respinto i reclami presentati contro la predetta decisione cautelare da C.________ e D.________, da un lato, e da A.________ e B.________, dall'altro;
che il Presidente della Camera di protezione - seppur per ragioni diverse da quelle contenute nella decisione cautelare dell'Autorità regionale di protezione 3 e successive alla sua emanazione - ha confermato la revoca del collocamento in quanto non più conveniente per il benessere della minore, quest'ultima manifestando un sentimento di disagio, di paura e di rifiuto nei confronti della precedente madre affidataria (v. art. 310 cpv. 1, 313 cpv. 1 e 445 CC);
che con " ricorso in materia di diritto pubblico " del 4 maggio 2015 A.________ e B.________ si sono rivolti al Tribunale federale, postulando l'annullamento della sentenza cantonale e l'accoglimento del loro reclamo nel senso di rinviare gli atti all'Autorità regionale di protezione 3 affinché venga completata l'istruttoria mediante una "valutazione peritale da Servizio medico psichiatrico indipendente" e deciso il ricollocamento immediato della minore presso C.________ e D.________;
che A.________ ha pure chiesto di essere posto al beneficio del gratuito patrocinio;
che le decisioni in materia di protezione dei minori soggiacciono al ricorso in materia civile (art. 72 cpv. 1 lett. b n. 6 LTF);
che non si vede, né nel ricorso viene spiegato (DTF 133 II 400 consid. 2), per quale ragione la ricorrente B.________, zia della minore, sarebbe legittimata ad interporre ricorso in materia civile (v. art. 76 cpv. 1 lett. b LTF);
che nella misura in cui i ricorrenti criticano l'operato dell'Autorità regionale di protezione 3, il loro gravame appare di primo acchito inammissibile poiché non è rivolto contro la decisione di ultima istanza cantonale (v. art. 75 cpv. 1 LTF);
che contro le decisioni in materia di misure cautelari il ricorrente può far valere soltanto la violazione di diritti costituzionali (art. 98 LTF);
che in virtù dell'art. 106 cpv. 2 LTF il Tribunale federale esamina la violazione di diritti fondamentali e costituzionali (DTF 133 III 638 consid. 2) soltanto se il ricorrente ha sollevato e motivato tale censura;
che pertanto il ricorrente deve spiegare in modo chiaro e dettagliato, alla luce dei considerandi della sentenza impugnata, in che modo sarebbero stati violati i suoi diritti costituzionali (DTF 135 III 232 consid. 1.2 con rinvii);
che nel gravame all'esame si cerca invano un'argomentazione conforme alle predette esigenze di motivazione;
che i ricorrenti si dolgono di un'arbitraria assunzione delle prove e della violazione del diritto di essere sentito: sostengono che l'autorità inferiore avrebbe confermato la revoca del collocamento senza un'adeguata istruttoria, ovvero fondandosi su prove insufficienti e rifiutando le prove da loro offerte senza alcuna motivazione;
che i ricorrenti si limitano però a contrapporre la propria valutazione delle prove a quella dell'autorità inferiore, senza curarsi di sostanziare la violazione del divieto dell'arbitrio e del diritto di essere sentito (omettendo ad esempio di indicare con precisione dove e quando avrebbero chiesto all'autorità inferiore di assumere dei mezzi di prova), per cui la loro argomentazione non soddisfa le esigenze poste dall'art. 106 cpv. 2 LTF;
che nemmeno i loro apodittici richiami al diritto alla dignità umana ed al diritto alla protezione del fanciullo adempiono i severi requisiti di motivazione previsti da tale disposto di legge;
che in queste circostanze il ricorso si appalesa inammissibile e può essere deciso nella procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. a e lett. b LTF;
che la domanda di assistenza giudiziaria presentata dal ricorrente A.________ va respinta per mancanza di possibilità di esito favorevole del gravame (art. 64 cpv. 1 e 3 LTF);
che le spese giudiziarie seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
 
per questi motivi, il Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
La domanda di assistenza giudiziaria del ricorrente A.________ è respinta.
 
3. 
Le spese giudiziarie di fr. 1'000.-- sono poste a carico dei ricorrenti.
 
4. 
Comunicazione ai partecipanti al procedimento e al Presidente della Camera di protezione del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 8 maggio 2015
 
In nome della II Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: von Werdt
 
La Cancelliera: Antonini
 
 
Drucken nach oben