Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
4A_376/2012
 
Sentenza del 10 settembre 2012
I Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale Klett, Presidente,
Cancelliere Piatti.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
B.________,
patrocinato dall'avv. Nicola Urbani,
opponente.
 
Oggetto
espulsione,
 
ricorso contro la sentenza emanata l'11 giugno 2012 dalla II Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
Considerando:
che con decisione 7 maggio 2012 il Pretore aggiunto del Distretto di Lugano ha segnatamente ordinato ad A.________, con la comminatoria dell'art. 292 CP, di mettere a disposizione di B.________ la casa monofamiliare sita sul mappale xxx RFD di Lugano-Viganello;
che con sentenza 11 giugno 2012 la II Camera civile del Tribunale di appello del Cantone Ticino ha dichiarato irricevibile, per carenza di motivazione, un appello inoltrato da A.________ e ha confermato la decisione del giudice di prime cure;
che con scritto 20 giugno 2012 A.________ ha dichiarato di ricorrere con domanda di effetto sospensivo contro la decisione di appello e indica di non aver potuto prendere in locazione un appartamento in ragione dei precetti esecutivi a suo carico, di non disporre di nessuna altra possibilitŕ di alloggio, di voler risparmiare alla figlia liceale lo stress psicologico di uno sfratto e a lei stessa le spese di magazzinaggio dei suoi mobili con un conseguente peggioramento della sua situazione finanziaria;
che la Presidente della Corte adita ha respinto con decreto del 28 giugno 2012 la richiesta di conferimento dell'effetto sospensivo al gravame e che il 3 agosto 2012 ella ha pure respinto un'istanza di revisione/riconsiderazione di tale decreto;
che giusta l'art. 42 cpv. 2 LTF nella motivazione del ricorso occorre spiegare perché l'atto impugnato viola il diritto, ragione per cui, pena l'inammissibilitŕ del gravame, il ricorrente deve confrontarsi almeno brevemente con i considerandi della sentenza impugnata (DTF 134 II 244 consid. 2.1);
che in concreto il ricorso non soddisfa i predetti requisiti di motivazione;
che infatti nell'atto di ricorso del 20 giugno 2012 la ricorrente non prende in alcun modo posizione sul rimprovero, posto a fondamento della sentenza impugnata, di una carente motivazione dell'appello;
che la situazione non muta anche qualora si consideri l'argomentazione contenuta nella predetta istanza di revisione/riconsiderazione - pervenuta a questo Tribunale prima dello scadere del termine di ricorso - come un complemento ricorsuale, atteso che in tale domanda la ricorrente si limita ad allegare una serie di fatti concernenti il rapporto intrattenuto con il suo precedente patrocinatore e il comportamento dell'opponente;
che in queste circostanze il ricorso, manifestamente non motivato in modo sufficiente, si appalesa inammissibile e va deciso dalla Presidente della Corte nella procedura semplificata (art. 108 cpv. 1 lett. b LTF);
che le spese giudiziarie seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
per questi motivi, la Presidente pronuncia:
 
1.
Il ricorso č inammissibile.
 
2.
Le spese giudiziarie di fr. 500.-- sono poste a carico della ricorrente.
 
3.
Comunicazione alle parti e alla II Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
Losanna, 10 settembre 2012
 
In nome della I Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
 
La Presidente: Klett
 
Il Cancelliere: Piatti
 
 
 
 
Drucken nach oben