Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fÚdÚral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
5A_106/2011
 
Sentenza del 12 aprile 2011
II Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale Hohl, Presidente,
Cancelliera Antonini.
 
Partecipanti al procedimento
1. A.________,
2. B.________,
ricorrenti,
 
contro
 
C.________,
patrocinato da Priska Orler-Capiaghi,
opponente.
 
Oggetto
privazione della custodia parentale,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 28 dicembre 2010 dalla I Camera civile del Tribunale d'appello del
Cantone Ticino.
 
Considerando:
che il 12 marzo 2009 la Commissione tutoria regionale 8 ha istituito una tutela volontaria in favore di B.________;
che il 30 giugno 2009 B.________ ha dato alla luce un figlio, C.________, e che il medesimo giorno l'autoritÓ tutoria l'ha privata provvisoriamente della custodia parentale;
che il 2 luglio 2009 la Commissione tutoria regionale 8 ha privato B.________ anche dell'autoritÓ parentale e ha istituito una tutela in favore del figlio;
che con decisione 13 gennaio 2010 l'autoritÓ tutoria ha confermato la privazione della custodia parentale e ha stabilito il collocamento del figlio presso genitori affilianti;
che il 18 giugno 2010 A.________ ha riconosciuto il figlio C.________ davanti all'autoritÓ di stato civile;
che con sentenza 12 luglio 2010 l'AutoritÓ di vigilanza sulle tutele ha respinto il gravame di B.________ contro la decisione 13 gennaio 2010 della Commissione tutoria regionale 8;
che con sentenza 28 dicembre 2010 la I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino ha respinto, nella misura della sua ricevibilitÓ, l'appello di B.________ e A.________ contro la decisione dell'AutoritÓ di vigilanza sulle tutele;
che con ricorso 2 febbraio 2011 B.________ e A.________ sono insorti al Tribunale federale contro la sentenza d'appello;
che con decreto 16 febbraio 2011 la richiesta dei ricorrenti di essere posti al beneficio dell'assistenza giudiziaria nella procedura federale Ŕ stata respinta per carenza di possibilitÓ di esito favorevole del gravame;
 
che con decreto 21 febbraio 2011 i ricorrenti sono stati invano invitati a versare un anticipo spese di fr. 1'000.--;
che con scritto 10 marzo 2011 i ricorrenti hanno chiesto - perlomeno implicitamente - di riconsiderare il decreto del 16 febbraio 2011 sull'assistenza giudiziaria;
 
che con decreto 15 marzo 2011 tale richiesta Ŕ stata respinta ed Ŕ stato concesso ai ricorrenti un termine suppletorio di dieci giorni non prorogabile per provvedere al versamento del predetto anticipo spese;
che l'atto giudiziario contenente l'appena menzionato decreto Ŕ stato notificato ai ricorrenti il 17 marzo 2011;
che l'11 aprile 2011 la Cassa del Tribunale federale ha constatato che il richiesto anticipo spese non Ŕ stato pagato nÚ accreditato sul suo conto postale e che non le Ŕ pervenuto alcun avviso di addebito di un conto bancario o postale;
che in queste circostanze il Tribunale federale non pu˛ entrare nel merito del ricorso (art. 48 cpv. 4 e 62 cpv. 3 LTF);
che pertanto il ricorso si rivela manifestamente inammissibile e pu˛ essere deciso dalla Presidente della Corte nella procedura semplificata (art. 108 cpv. 1 lett. a LTF);
che le spese giudiziarie seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
per questi motivi, la Presidente pronuncia:
 
1.
Il ricorso Ŕ inammissibile.
 
2.
Le spese giudiziarie di fr. 300.-- sono poste a carico dei ricorrenti con vincolo di solidarietÓ.
 
3.
Comunicazione alle parti e alla I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
Losanna, 12 aprile 2011
 
In nome della II Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
La Presidente: La Cancelliera:
 
Hohl Antonini
 
 
Drucken nach oben