Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
1C_8/2007 /cra
 
Sentenza del 13 marzo 2007
I Corte di diritto pubblico
 
Composizione
Giudice federale FÚraud, presidente,
cancelliere Crameri.
 
Parti
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
Tribunale amministrativo del Cantone Ticino,
casella postale, 6901 Lugano,
 
Oggetto
assistenza sociopsichiatrica (trattamento farmacologico),
 
ricorso (in materia di diritto pubblico) contro la sentenza emanata il 6 febbraio 2007 dal Tribunale cantonale amministrativo.
 
Ritenuto in fatto e considerato in diritto:
che A.________, durante la sua ventiquattresima degenza presso la Clinica psichiatrica cantonale di Mendrisio (CPC), cagionata da scompensi riconducibili all'interruzione della terapia medicamentosa prescrittagli, Ŕ stato curato con un determinato medicamento;
che due giorni dopo essere stato dimesso dalla CPC, egli ha chiesto di esservi nuovamente collocato e che, visto il peggioramento del suo stato, i medici hanno deciso di cambiare terapia;
 
che con ricorso del 4 gennaio 2007, respinto il 16 gennaio seguente, egli Ŕ insorto dinanzi alla Commissione giuridica in materia di assistenza sociopsichiatrica, chiedendo il ripristino dell'altra cura;
ch'egli ha impugnato questa decisione al Tribunale cantonale amministrativo che, statuendo il 6 febbraio 2007, ha respinto il gravame;
 
che il 19 febbraio 2007 la Corte cantonale ha trasmesso al Tribunale federale, per competenza, uno scritto non datato con il quale A.________ manifesta la sua volontÓ di presentare un "ricorso";
 
che il 22 febbraio 2007 il Tribunale federale ha informato il ricorrente della possibilitÓ di completare il ricorso entro il termine stabilito dalla legge: egli non ha dato alcun seguito a questo invito;
 
che la Corte cantonale ha stabilito che non si tratta di un collocamento coatto ma di un ricovero volontario, visto che il ricorrente ha scelto liberamente di farsi internare e che pertanto secondo l'art. 44 cpv. 1 della legge ticinese sull'assistenza sociopsichiatrica, del 2 febbraio 1999, egli poteva liberamente lasciare l'unitÓ terapeutica riabilitativa in ogni momento se dissente dalle cure prescritte, per cui non poteva contestare la terapia farmacologica dispensatagli senza costrizione;
 
che, non trattandosi della privazione della libertÓ a scopo d'assistenza (art. 397a CC), Ŕ dato di massima il ricorso in materia di diritto pubblico giusta gli art. 82 e segg. della legge federale sul Tribunale federale (LTF; RU 2006 I 1205; RS 173.110; art. 29 cpv. 2 lett. c del regolamento del Tribunale federale);
che secondo l'art. 42 LTF, il ricorso deve contenere le conclusioni, i motivi e l'indicazione dei mezzi di prova (cpv. 1) e che nei motivi occorre spiegare in modo conciso perchÚ l'atto impugnato viola il diritto (cpv. 2);
che, nella fattispecie, il gravame, neppure sostanziato entro i termini di ricorso, Ŕ privo di qualsiasi conclusione e motivazione;
 
che pertanto il ricorso, manifestamente non motivato in modo sufficiente (art. 42 cpv. 2 LTF), pu˛ essere deciso sulla base della procedura semplificata ai sensi dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF e non pu˛ quindi essere esaminato nel merito;
 
che, viste le circostanze della fattispecie, si pu˛ eccezionalmente rinunciare a prelevare una tassa di giustizia.
 
Per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:
1.
Il ricorso Ŕ inammissibile.
2.
Non si prelevano spese giudiziarie.
3.
Comunicazione al ricorrente e al Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
Losanna, 13 marzo 2007
In nome della I Corte di diritto pubblico
del Tribunale federale svizzero
Il presidente: Il cancelliere:
 
 
 
Drucken nach oben