Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
5A_331/2013
 
Decreto del 14 maggio 2013
II Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale von Werdt, Presidente,
Cancelliera Antonini.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
patrocinato dall'avv. Fabio Abate,
ricorrente,
 
contro
 
B.________,
patrocinato dall'avv. Andrea Amedeo Prospero,
opponente.
 
Oggetto
consegna di legati,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 28 marzo 2013 dalla I Camera civile del Tribunale d'appello del
Cantone Ticino.
 
Considerando:
che con ricorso in materia civile 6 maggio 2013 A.________ ha impugnato dinanzi al Tribunale federale la sentenza emanata il 28 marzo 2013 dalla I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, postulando pure la concessione dell'effetto sospensivo al gravame;
che con decreto presidenziale 8 maggio 2013 il ricorrente č stato invitato a versare un anticipo delle spese di fr. 15'000.-- entro il 24 maggio 2013, mentre l'opponente e l'autoritŕ inferiore sono stati invitati ad esprimersi sulla domanda di conferimento dell'effetto sospensivo entro la stessa data;
che con scritto 10 maggio 2013 A.________ ha dichiarato di ritirare il ricorso in materia civile in seguito ad un accordo transattivo raggiunto tra le parti, postulando lo stralcio della procedura senza emissione di spese e la compensazione delle ripetibili;
che giusta l'art. 32 cpv. 1 LTF il Presidente della Corte dirige il procedimento quale giudice dell'istruzione fino alla pronuncia della sentenza e che in virtů dell'art. 32 cpv. 2 LTF il giudice dell'istruzione decide quale giudice unico lo stralcio dal ruolo delle cause ritirate;
che in seguito al ritiro del ricorso la domanda di effetto sospensivo diviene priva di oggetto (art. 71 LTF in relazione con l'art. 73 cpv. 1 PC) ed i termini per prendere posizione su quest'ultima e per versare un anticipo delle spese, impartiti con decreto presidenziale 8 maggio 2013, divengono caduchi;
che di regola le spese giudiziarie vanno poste a carico della parte che ritira il ricorso (v. decreto 5A_78/2013 del 28 marzo 2013 con rinvii);
che le spese giudiziarie, ridotte in applicazione dell'art. 66 cpv. 2 LTF, vanno quindi poste a carico del ricorrente (art. 66 cpv. 1 LTF; art. 71 LTF in relazione con l'art. 5 cpv. 2 PC);
che, contrariamente a quanto richiesto dal ricorrente nel suo scritto 10 maggio 2013, in concreto non si giustifica compensare le ripetibili, l'opponente non essendo in ogni modo incorso in spese della sede federale;
 
per questi motivi, il Presidente decreta:
 
1.
La causa č stralciata dai ruoli a seguito del ritiro del ricorso.
 
2.
Le spese giudiziarie di fr. 300.-- sono poste a carico del ricorrente.
 
3.
Comunicazione ai patrocinatori delle parti e alla I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
Losanna, 14 maggio 2013
 
In nome della II Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: von Werdt
 
La Cancelliera: Antonini
 
 
 
 
Drucken nach oben