Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fÚdÚral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
4A_316/2010
 
Sentenza del 14 giugno 2010
I Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale Klett, Presidente,
Cancelliera Gianinazzi.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
B.________,
patrocinato dall'avv. Mario Bazzi,
opponente.
 
Oggetto
cauzione processuale; assistenza giudiziaria,
 
ricorso contro il decreto emanato il 25 febbraio 2010 dalla II Camera civile del Tribunale d'appello del
Cantone Ticino.
 
Considerando:
che con sentenza del 10 novembre 2009 il Pretore della Giurisdizione di Locarno-Campagna ha accolto la petizione inoltrata il 7 luglio 2008 da B.________ tendente all'accertamento dell'inesistenza dei crediti di fr. 38'000.--, oltre interessi al 5 % dal 1░ gennaio 2008, e di fr. 79'810.65, oltre interessi al 5 % dal 14 giugno 2008, oggetto di due precetti esecutivi fattigli intimare da A.________;
che A.________ si Ŕ aggravato contro la pronunzia pretorile con atto d'appello del 30 novembre 2009;
che il 18 gennaio 2010 B.________ ha presentato un'istanza di prestazione di cauzione processuale a causa della notoria situazione d'insolvenza dell'appellante;
che, essendo l'appellante effettivamente risultato insolvente ai sensi dell'art. 153 CPC/TI, con decreto del 25 febbraio 2010 la II Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino, visto l'art. 316 CPC/TI, lo ha obbligato a prestare una cauzione processuale di fr. 2'200.-- per la procedura d'appello;
che contro questa decisione A.________ Ŕ insorto dinanzi al Tribunale federale, il 20 marzo 2010, con uno scritto intitolato "Ricorso e Reclamo";
che nÚ la controparte nÚ l'autoritÓ cantonale sono stati invitati a esprimersi su tale allegato;
che giusta l'art. 42 cpv. 2 LTF l'atto di ricorso deve indicare chiaramente i diritti che si pretendono violati dall'autoritÓ giudiziaria cantonale di ultima istanza e precisare in cosa consiste la violazione;
che in concreto, nel suo succinto esposto - peraltro privo di conclusioni - il ricorrente non fa nessun riferimento all'atto impugnato nÚ alla sua motivazione;
ch'egli si limita ad evocare l'impossibilitÓ di versare l'importo richiesto e a domandare l'adozione di un analogo provvedimento nei confronti della controparte;
che questi argomenti non configurano, manifestamente, una motivazione adeguata, conforme al disposto di legge appena citato;
che, essendo l'allegato ricorsuale "manifestamente non motivato in maniera sufficiente", il gravame pu˛ essere dichiarato inammissibile mediante la procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF;
che, vista l'incontestata situazione d'insolvenza del ricorrente, si pu˛ rinunciare ad addossargli spese giudiziarie (art. 66 cpv. 1 LTF);
che all'opponente non spetta nessuna indennitÓ per ripetibili della sede federale, non essendo egli nemmeno stato invitato a determinarsi;
 
per questi motivi, la Presidente pronuncia:
 
1.
Il ricorso Ŕ inammissibile.
 
2.
Non si prelevano spese giudiziarie.
 
3.
Comunicazione al ricorrente, al patrocinatore dell'opponente e alla II Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
Losanna, 14 giugno 2010
 
In nome della I Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
La Presidente: La Cancelliera:
 
Klett Gianinazzi
 
 
Drucken nach oben