Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
5A_129/2016
 
 
 
 
Sentenza del 17 febbraio 2016
 
II Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale von Werdt, Presidente,
Cancelliera Antonini.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
B.________,
patrocinata dall'avv. Francesca Balerna Gianotti,
opponente.
 
Oggetto
divorzio,
 
ricorso contro il decreto emanato il 15 gennaio 2016
dalla I Camera civile del Tribunale d'appello del
Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che con decisione 18 dicembre 2015 il Pretore della giurisdizione di Locarno Campagna ha pronunciato il divorzio tra A.________ e B.________ e regolato gli effetti accessori del divorzio;
che con decreto 15 gennaio 2016 la I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino ha preso atto del ritiro del "ricorso " presentato da A.________ avverso la decisione pretorile e ha stralciato la causa dai ruoli per desistenza;
che con "replica " 15 febbraio 2016 A.________ ha impugnato tale decreto dinanzi al Tribunale federale, postuland o in via superprovvisionale e provvisionale " lo sgombero immediato degli affittuari abusivi dalla propria comproprietà sita al mapp. 606 di X.________, perizia per valutazione dell'immobile con la relativa mobilia o, la vendita " e nel merito la riforma della decisione impugnata " nel senso che al signor A.________ è concesso, lo sgombero, la perizia o, la vendita dell'immobile di propria comproprietà ";
che il ricorrente chiede pure di essere posto al beneficio dell'assistenza giudiziaria con gratuito patrocinio;
che giusta l'art. 42 cpv. 2 LTF il ricorrente deve spiegare nei motivi del ricorso, in modo conciso e confrontandosi con i considerandi della sentenza impugnata (DTF 140 III 86 consid. 2; 134 II 244 consid. 2.1), perché l'atto impugnato viola il diritto e che in virtù dell'art. 106 cpv. 2 LTF il Tribunale federale esamina la violazione di diritti fondamentali e di disposizioni di diritto cantonale e intercantonale soltanto se il ricorrente ha sollevato e motivato tale censura;
che in concreto l'impugnativa manifestamente non soddisfa tali esigenze di motivazione: il ricorrente omette infatti del tutto di confrontarsi con l'argomentazione posta a fondamento del decreto cantonale di stralcio;
che pertanto il ricorso si appalesa inammissibile e può essere deciso nella procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF;
che nel caso concreto si può rinunciare al prelievo di spese giudiziarie (art. 66 cpv. 1 seconda frase LTF);
che, nella misura in cui non è divenuta priva d'oggetto, la domanda di assistenza giudiziaria del ricorrente va respinta per mancanza di possibilità di esito favorevole del gravame (art. 64 cpv. 1 e 3 LTF);
che con l'evasione del ricorso, la domanda di adozione di misure cautelari è divenuta priva d'oggetto;
 
 
per questi motivi, il Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
Non si prelevano spese giudiziarie.
 
3. 
Nella misura in cui non è priva d'oggetto, la domanda di assistenza giudiziaria del ricorrente è respinta.
 
4. 
Comunicazione alle parti e alla I Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 17 febbraio 2016
 
In nome della II Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: von Werdt
 
La Cancelliera: Antonini
 
 
Drucken nach oben