Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
 
 
 
{T 0/2}
 
4D_15/2015
 
 
 
 
Sentenza del 17 marzo 2015
 
I Corte di diritto civile
 
Composizione
Giudice federale Kiss, Presidente,
Cancelliere Piatti.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
B.________,
opponente.
 
Oggetto
tassazione della nota d'onorario del patrocinatore gratuito,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 7 gennaio 2015 dalla III Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
 
Considerando:
che nella causa intentata da C.________ nei confronti di A.________ quest'ultima era inizialmente rappresentata dall'avv. D.________;
che, in seguito alla rinuncia del mandato da parte di tale legale, il Pretore della giurisdizione di Mendrisio Sud ha nominato l'avv. B.________ patrocinatrice d'ufficio di A.________;
 
 che con decisione 11 giugno 2014 il Pretore ha tassato la nota professionale di questa patrocinatrice, riconoscendole un onorario di fr. 1'335.-- e fr. 151.-- per spese effettive;
che il medesimo giorno egli ha invitato A.________ a comunicargli il nominativo di un nuovo rappresentante;
che con sentenza 7 gennaio 2015 la III Camera civile del Tribunale di appello del Cantone Ticino ha respinto, nella misura in cui era ricevibile, un reclamo inoltrato da A.________;
 
 che l'autorità inferiore ha trattato le contestazioni della nota professionale, mentre ha invece ritenuto la lamentela concernente l'avallo pretorile della disdetta della patrocinatrice d'ufficio senza rilevanza pratica e non meritevole di disamina, poiché l'insorgente non ha preteso una continuazione di tale patrocinio;
che A.________ è insorta al Tribunale federale con ricorso del 10 febbraio 2015, con cui ha chiesto l'annullamento della sentenza cantonale e il rinvio degli atti all'autorità inferiore per nuovo giudizio, nonché di essere posta al beneficio dell'assistenza giudiziaria;
che la sentenza impugnata verte sulla tassazione dell'onorario del patrocinatore d'ufficio nominato in una causa civile;
che si tratta quindi di una decisione in rapporto diretto con il diritto civile pronunciata in applicazione di norme di diritto pubblico ai sensi dell'art. 72 cpv. 2 lett. b LTF, in linea di principio suscettiva di un ricorso in materia civile (sentenza 4D_66/2014 dell'8 ottobre 2014);
che tuttavia nella fattispecie, il valore di lite non raggiungendo manifestamente la soglia di fr. 30'000.-- prevista dall'art. 74 cpv. 1 lett. b LTF per l'inoltro di un tale rimedio, rimane unicamente aperta la via del ricorso sussidiario in materia costituzionale;
che con questo rimedio può essere censurata la violazione di diritti costituzionali (art. 116 LTF) e non è possibile di validamente prevalersi di una - semplice - violazione del diritto nel senso dell'art. 95 LTF;
che pertanto nel gravame occorre indicare i diritti costituzionali ritenuti violati e spiegare, con un'argomentazione puntuale e precisa attinente alla sentenza impugnata, in cosa consista la pretesa violazione (art. 106 cpv. 2 LTF richiamato dall'art. 117 LTF; DTF 136 I 65 consid. 1.3.1; 134 II 244 consid. 2.1);
che inoltre i ricorsi al Tribunale federale hanno carattere riformativo, potendo questo Tribunale di massima giudicare una causa nel merito (art. 107 cpv. 2 LTF), ma non oltre le conclusioni delle parti (art. 107 cpv. 1 LTF);
che la parte ricorrente, pena l'inammissibilità del gravame, deve quindi in linea di principio formulare richieste di giudizio sostanziali (DTF 137 II 313 consid. 1.3) e che le conclusioni attinenti a somme di denaro devono essere quantificate (DTF 134 III 235 consid. 2);
che il ricorso non contiene alcuna censura riferita all'assenza di un interesse alla continuazione del patrocinio da parte dell'avv. B.________, essendo la menzione della richiesta a suo tempo riferita alla prosecuzione del mandato da parte dell'avv. D.________ del tutto inconferente;
che inoltre, per quanto concerne la tassazione della nota professionale, invano si cerca nello scritto della ricorrente una richiesta di giudizio non limitata all'annullamento della decisione dell'autorità inferiore;
che pertanto il ricorso, insufficientemente motivato e privo di conclusioni quantificate, si appalesa inammissibile e va deciso dalla Presidente della Corte nella procedura semplificata (art. 108 cpv. 1 lett. a e b LTF);
che in queste circostanze la domanda di assistenza giudiziaria per la sede federale dev'essere respinta per mancanza di possibilità di esito favorevole del ricorso (art. 64 cpv. 1 e 3 LTF), indipendentemente dall'indigenza della ricorrente;
che pertanto le spese giudiziarie seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
 
per questi motivi, la Presidente pronuncia:
 
1. 
Il ricorso è inammissibile.
 
2. 
La domanda di assistenza giudiziaria della ricorrente è respinta.
 
3. 
Le spese giudiziarie di fr. 300.-- sono poste a carico della ricorrente.
 
4. 
Comunicazione alle parti e alla III Camera civile del Tribunale d'appello del Cantone Ticino.
 
 
Losanna, 17 marzo 2015
 
In nome della I Corte di diritto civile
del Tribunale federale svizzero
 
La Presidente: Kiss
 
Il Cancelliere: Piatti
 
 
Drucken nach oben