Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
1C_289/2010
 
Decreto del 21 giugno 2010
I Corte di diritto pubblico
 
Composizione
Giudice federale Féraud, Presidente,
Cancelliere Crameri.
 
Partecipanti al procedimento
A.________,
ricorrente,
 
contro
 
Consiglio di Stato del Cantone Ticino, Residenza governativa, 6500 Bellinzona.
 
Oggetto
esonero dal pagamento della tassa di giustizia (revisione),
 
ricorso contro la sentenza emanata il 7 maggio 2010
dal Giudice delegato del Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
Considerando:
che il 7 giugno 2010 A.________ ha presentato al Tribunale federale un ricorso contro una decisione emanata il 7 maggio 2010 dal Giudice delegato del Tribunale cantonale amministrativo;
che con scritto del 16 giugno 2010 il ricorrente dichiara di ritirare il gravame;
 
che il presidente o il giudice dell'istruzione decide, quale giudice unico, circa lo stralcio dal ruolo delle cause ritirate (art. 32 cpv. 1 e 2 LTF) e, in tale ambito, statuisce sulle spese giudiziarie (art. 5 cpv. 2 PC in relazione all'art. 71 LTF);
 
che in caso di desistenza il Tribunale federale puň rinunciare in tutto o in parte a riscuotere spese giudiziarie (art. 66 cpv. 2 LTF);
 
che nella fattispecie si puň rinunciare a prelevare spese;
 
per questi motivi, il Presidente decreta:
 
1.
La causa č stralciata dai ruoli a seguito del ritiro del ricorso.
 
2.
Non si prelevano spese giudiziarie.
 
3.
Comunicazione al ricorrente, al Consiglio di Stato e al Giudice delegato del Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
 
Losanna, 21 giugno 2010
 
In nome della I Corte di diritto pubblico
del Tribunale federale svizzero
Il Presidente: Il Cancelliere:
 
Féraud Crameri
 
 
Drucken nach oben