Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fédéral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
{T 0/2}
1C_282/2010
 
Sentenza del 28 giugno 2010
I Corte di diritto pubblico
 
Composizione
Giudice federale Féraud, Presidente,
Cancelliere Crameri.
 
Partecipanti al procedimento
A.________ e B.________,
ricorrenti,
 
contro
 
C.________ e D.________,
 
Municipio di X.________,
Consiglio di Stato del Cantone Ticino, Residenza governativa, 6500 Bellinzona.
 
Oggetto
licenza edilizia,
 
ricorso contro la sentenza emanata il 7 maggio 2010
dal Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
 
Considerando:
che il 5 ottobre 2009 il Municipio di X.________, respinta l'opposizione inoltrata dai vicini A.________ e B.________, ha rilasciato a D.________ e C.________ la licenza edilizia per costruire una tettoia sulla soletta di copertura dell'autorimessa, la quale serve anche da terrazza, annessa alla loro casa di abitazione;
che questo permesso, accertato ch'esso avrebbe dovuto essere soggetto alla procedura ordinaria della domanda di costruzione e non a quella della notifica adottata dal Comune, è stato confermato sia dal Consiglio di Stato del Cantone Ticino sia dal Tribunale cantonale amministrativo, poiché l'erronea procedura scelta dal Comune è stata sanata in particolare notificando la risposta del Dipartimento del territorio anche ai vicini, i quali, patrocinati da un legale nella sede cantonale, non si sono tuttavia espressi al riguardo;
che avverso quest'ultimo giudizio A.________ e B.________ presentano al Tribunale federale un ricorso in materia di diritto pubblico, chiedendone l'annullamento unitamente alla licenza edilizia e la demolizione dell'opera eretta nel frattempo;
che non sono state chieste osservazioni;
che secondo l'art. 42 LTF, il ricorso deve contenere le conclusioni, i motivi e l'indicazione dei mezzi di prova (cpv. 1) e dev'essere motivato in modo sufficiente, spiegando nei motivi perché l'atto impugnato viola il diritto (cpv. 2; DTF 133 II 249 consid. 1.4);
che queste esigenze di motivazione sono del tutto disattese, visto che i ricorrenti non si confrontano affatto con i motivi posti a fondamento del criticato giudizio della Corte cantonale, limitandosi a produrre la documentazione cantonale, sottintendendo che il Tribunale federale dovrebbe esaminarla d'ufficio, cercando eventuali argomenti a favore dell'una o dell'altra parte in causa;
 
che con questa argomentazione essi disattendono che il Tribunale federale vaglia la violazione di diritti fondamentali e di disposizioni di diritto cantonale soltanto se tali censure sono state sollevate e motivate (art. 106 cpv. 2 LTF), per cui spetta ai ricorrenti dimostrare in maniera chiara e dettagliata in che misura la decisione impugnata li leda (DTF 136 I 49 consid. 1.4.1, 65 consid. 1.3.1);
 
che, adducendo semplicemente singole parti della cronistoria della vertenza, i ricorrenti neppure tentano di dimostrare l'arbitrarietà del criticato giudizio;
 
che pertanto il ricorso, manifestamente non motivato in modo sufficiente, può essere deciso sulla base della procedura semplificata dell'art. 108 cpv. 1 lett. b LTF e non può quindi essere esaminato nel merito;
 
che le spese seguono la soccombenza (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
per questi motivi, il Presidente decreta:
 
1.
Il ricorso è inammissibile.
 
2.
Le spese giudiziarie di fr. 1'000.--sono poste a carico dei ricorrenti.
 
3.
Comunicazione alle parti, al Municipio di X.________, al Consiglio di Stato e al Tribunale amministrativo del Cantone Ticino.
 
Losanna, 28 giugno 2010
 
In nome della I Corte di diritto pubblico
del Tribunale federale svizzero
Il Presidente: Il Cancelliere:
 
Féraud Crameri
 
 
Drucken nach oben