Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 
Bundesgericht
Tribunal fÚdÚral
Tribunale federale
Tribunal federal
 
9F_2/2011 {T 0/2}
 
Sentenza del 29 settembre 2011
II Corte di diritto sociale
 
Composizione
Giudici federali U. Meyer, Presidente,
Borella, Pfiffner Rauber,
cancelliere Grisanti.
 
Partecipanti al procedimento
M.________,
istante,
 
contro
 
Cassa federale di compensazione,
Holzikofenweg 36, 3003 Berna,
controparte.
 
Oggetto
Assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti,
 
domanda di revisione della sentenza del Tribunale federale svizzero 9C_467/2011 del 18 luglio 2011.
 
Vista:
l'istanza di revisione del 26 luglio 2011 (timbro postale) contro la sentenza 9C_467/2011 del 18 luglio 2011 con cui il Tribunale federale ha dichiarato inammissibile, per manifesta carente motivazione, un ricorso di M.________ in materia di rendita AVS,
 
considerando:
che secondo l'art. 54 cpv. 1 LTF, di regola il procedimento dinanzi al Tribunale federale si svolge nella lingua ufficiale della decisione impugnata, che nella fattispecie Ŕ quella italiana;
che di conseguenza occorre redigere in italiano anche questo giudizio, nonostante la domanda di revisione sia stata redatta in lingua tedesca e l'istante chieda di rendere la sentenza in tedesco;
che tale decisione, oltre a meglio conciliarsi con il disposto di legge in parola, si giustifica anche perchÚ l'istante vive nel Cantone Ticino e non ha palesato di non capire l'italiano;
che l'annullamento o la modifica di una sentenza del Tribunale federale Ŕ possibile solo se Ŕ dato un motivo di revisione ai sensi degli art. 121 segg. LTF;
che l'inoltro di un'istanza di revisione non consente per contro di ridiscutere liberamente la sentenza di cui Ŕ chiesta la revisione;
che come per gli altri atti scritti destinati al Tribunale federale, per essere ammissibile l'istanza di revisione dev'essere motivata, l'istante dovendo confrontarsi con la sentenza di cui chiede la revisione e spiegare per quale ragione ritiene sussistere un motivo di revisione (v. art. 42 cpv. 2 LTF);
che l'istante non sostanzia un motivo di revisione ai sensi degli art. 121-123 LTF, ma rimette in discussione il merito della causa, criticando l'accertamento dei fatti e l'apprezzamento giuridico posto a fondamento della sentenza di inammissibilitÓ impugnata;
che pertanto, senza necessitÓ di procedere a uno scambio degli scritti (art. 127 LTF), la domanda di revisione dev'essere considerata inammissibile;
che l'istante deve farsi carico delle spese di procedura (art. 66 cpv. 1 LTF);
 
per questi motivi, il Tribunale federale pronuncia:
 
1.
La domanda di revisione Ŕ inammissibile.
 
2.
Le spese giudiziarie di fr. 500.- sono poste a carico dell'istante.
 
3.
Comunicazione alle parti, al Tribunale delle assicurazioni del Cantone Ticino e all'Ufficio federale delle assicurazioni sociali.
 
Lucerna, 29 settembre 2011
In nome della II Corte di diritto sociale
del Tribunale federale svizzero
 
Il Presidente: Meyer
 
Il Cancelliere: Grisanti
 
 
 
Drucken nach oben