Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Grössere Schrift
 
[AZA 0]
 
2P.42/2000
 
II CORTE DI DIRITTO PUBBLICO
******************************************************
 
31 marzo 2000
 
Composizione della Corte: giudici federali Wurzburger, presidente,
Hungerbühler e Müller.
Cancelliera: Ieronimo Perroud.
 
_________
Visto il ricorso di diritto pubblico presentato il 9 febbraio 2000 da A.________ (02. 04.1940), Napoli (I), rappresentato da B.________, Canobbio, contro la decisione emessa il 12 gennaio 2000 dal Consiglio federale svizzero in materia di divieto d'entrata;
Ritenuto in fatto e considerato in diritto:
 
che il 12 gennaio 2000 il Consiglio federale svizzero ha respinto il ricorso esperito il 29 luglio 1999 da A.________ (1940), cittadino italiano, contro la decisione su ricorso del 14 luglio 1999 con cui il Dipartimento federale di giustizia e polizia ha confermato il divieto d'entrata valido fino al 29 giugno 2003 pronunciato nei confronti dell'insorgente dal Ministero pubblico della Confederazione in data 30 giugno 1998;
 
che il 10 febbraio 2000 A.________ ha trasmesso al Tribunale federale un ricorso di diritto pubblico, datato 9 febbraio 2000, con cui chiede che il divieto d'entrata sia annullato e che venga conferito effetto sospensivo al proprio gravame;
 
che, con osservazioni del 27 marzo 2000, il Dipartimento federale delle finanze, in rappresentanza del Consiglio federale svizzero, ha proposto la reiezione in ordine e nel merito del ricorso;
 
che, vista la natura sussidiaria del ricorso di diritto pubblico (art. 84 cpv. 2 OG), occorre esaminare previamente se la presente impugnativa possa essere trattata quale ricorso di diritto amministrativo;
 
che il ricorso di diritto amministrativo al Tribunale federale non è ammissibile contro decisioni in materia di polizia degli stranieri, segnatamente contro il divieto d'entrata in Svizzera (art. 100 cpv. 1 lett. b cifra 1 OG);
 
che l'art. 8 della Convenzione del 4 novembre 1950 per la salvaguardia dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali (CEDU; RS 0.101) non apre la via del ricorso di diritto amministrativo quando il rimedio è proposto contro un divieto d'entrata, dato che il ricorrente può prevalersi di tale norma solo quando si tratta di stabilire se si debba rilasciare o rifiutare un'autorizzazione di soggiorno e se egli abbia diritto a tale autorizzazione, questione che non è oggetto della presente procedura (cfr. DTF 110 Ib 397 consid. 2);
 
che il ricorso di diritto amministrativo al Tribunale federale è esperibile contro le decisioni del Consiglio federale soltanto in determinati casi previsti dalla legge, concernenti i rapporti di servizio del personale federale (art. 98 lett. a OG);
 
che oltretutto, poiché la contestazione in oggetto non porta sulla determinazione dei diritti o dei doveri di carattere civile del ricorrente ai sensi dell'art. 6 n. 1 CEDU, non sono date in concreto le condizioni eccezionali stabilite nella sentenza pubblicata in DTF 125 II 417 consid. 4 per potere ammettere la competenza di codesta Corte ad entrare nel merito di un ricorso rivolto contro una decisione del Governo federale;
 
 
che, d'altro lato, il ricorso di diritto pubblico al Tribunale federale è dato soltanto per impugnare decisioni e decreti cantonali (art. 84 cpv. 1 OG);
 
che, di conseguenza, il rimedio di diritto del ricorrente - trattato sia quale ricorso di diritto amministrativo sia come ricorso di diritto pubblico - si rivela già di primo acchito improponibile, non essendo la decisione impugnata suscettiva di alcun mezzo di ricorso;
 
che la causa, sufficientemente chiara, va decisa secondo la procedura semplificata di cui all'art. 36a OG;
 
che, con l'emanazione del giudizio, l'istanza volta al conferimento dell'effetto sospensivo è divenuta priva d' oggetto;
 
che le spese seguono la soccombenza (art. 156 cpv. 1, 153 e 153a OG), mentre non si accordano ripetibili ad autorità vincenti (art. 159 cpv. 2 OG);
 
 
visto l'art. 36a OG,
 
il Tribunale federale
 
pronuncia :
 
1. Il ricorso è inammissibile.
 
2. La tassa di giustizia di fr. 2000.-- è posta a carico del ricorrente.
 
3. Comunicazione alla rappresentante del ricorrente e al Dipartimento federale delle finanze, in rappresentanza del Consiglio federale svizzero.
Losanna, 31 marzo 2000 MDE
 
In nome della II Corte di diritto pubblico
del TRIBUNALE FEDERALE SVIZZERO:
Il Presidente, La Cancelliera
 
 
Drucken nach oben