Avis important:
Les versions anciennes du navigateur Netscape affichent cette page sans éléments graphiques. La page conserve cependant sa fonctionnalité. Si vous utilisez fréquemment cette page, nous vous recommandons l'installation d'un navigateur plus récent.
Retour Ó la page d'accueil Imprimer
Ecriture agrandie
 

Regesto

Art. 92 cpv. 1, art. 95 e art. 101 cpv. 1 e 2 dell'abrogato decreto del Consiglio federale concernente l'imposta federale diretta, del 9 dicembre 1940 (DIFD); art. 130 cpv. 1 e 2, art. 131 cpv. 1 e art. 132 cpv. 1 e 3 della legge federale sull'imposta federale diretta, del 14 dicembre 1990 (LIFD); ammissibilitÓ di un reclamo rivolto contro una tassazione d'ufficio.
Tassazione d'ufficio e procedura di reclamo secondo il diritto previgente (consid. 2) e in base all'attuale normativa (consid. 3).
L'obbligo posto dall'art. 132 cpv. 3 LIFD, secondo cui il reclamo presentato contro una tassazione d'ufficio dev'essere motivato, Ŕ un presupposto processuale, non materiale, la cui violazione cagiona l'inammissibilitÓ del rimedio esperito (consid. 4c). Tale interpretazione dell'art. 132 cpv. 3 LIFD Ŕ sorretta da importanti interessi pubblici (consid. 4e). Nella notifica della tassazione d'ufficio, l'autoritÓ fiscale deve menzionare, nell'indicazione dei rimedi di diritto, quanto disposto dall'art. 132 cpv. 3 LIFD e le conseguenze in caso d'inottemperanza (consid. 4f).

contenu

document entier:
résumé partiel: allemand français italien

références

Article: art. 132 cpv. 3 LIFD

navigation

Nouvelle recherche