Avviso importante:
Le versioni vecchie di Netscape non sono in grado di mostrare i grafici. La funzionalità della pagina web è comunque garantita. Se volesse utilizzare frequentemente questa pagina, le raccomandiamo di installare un browser aggiornato.
Ritorno alla pagina principale Stampare
Scrittura aggrandita
 
Intestazione

99 IV 145


29. Estratto della sentenza 18 settembre 1973 della Corte di cassazione penale nella causa Zocchi contro Sormani

Regesto

Danneggiamento di una cosa; art. 145 CP.
L'apposizione sul parabrezza di un'autovettura di un cartello, levabile solo con l'aiuto di terzi e in posizione da impedire la normale visibilitÓ del conducente, costituisce danneggiamento nel senso dell'art. 145CP.

Fatti da pagina 145

BGE 99 IV 145 S. 145

A.- Il 14 novembre 1972, Zocchi, amministratore del condominio City, a Lugano, costatava che una vettura era posteggiata davanti all'accesso dell'autorimessa sotterranea dello stabile. Prese un cartello autoadesivo (cm 43 x 30) con la scritta "Posteggio vietato" e lo incoll˛ sul parabrezza dell'autovettura.
La detentrice di questa, Luigia Sormani, non riusci a levare il cartello e dovette valersi all'uopo di una carrozzeria.
Su querela dell'anzidetta, il Pretore ritenne Zocchi colpevole di trasgressione dell'art. 145 CP e lo condann˛ a una multa di fr. 30.-, nonchŔ al risarcimento del danno di fr. 25.-.

B.- Il condannato si aggrav˛ alla Corte di cassazione e di revisione penale, che respinse il ricorso con sentenza 21 agosto 1973.

C.- Zocchi ha tempestivamente interposto al Tribunale federale un ricorso per cassazione, chiedendo l'annullamento della decisione cantonale.

Considerandi

Considerando in diritto:

1. Zocchi non si Ŕ limitato a esprimere la sua protesta, incollando il cartello su una parte qualsiasi della carrozzeria, indifferente per la guida. L'autoritÓ cantonale ha accertato che egli lo ha disposto in modo da compromettere la visibilitÓ necessaria per condurre e, quindi, in guisa da impedire l'uso
BGE 99 IV 145 S. 146
normale del veicolo. ╚ inoltre accertato che Luigia Sormani non Ŕ stata personalmente capace di togliere l'impedimento ma ha dovuto far ricorso ad un carrozziere.
Ci˛ stante, il ricorrente ha impedito che il veicolo fosse utilizzato conformemente alla sua destinazione, vale a dire l'ha reso inservibile nel senso dello art. 145 CP (GERMANN, Das Verbrechen im neuen Strafrecht, p. 272; LOGOZ, Commentaire I p. 141; SJZ 1967 p. 245). Il fatto che la querelante sia nondimeno riuscita a condurre la sua macchina ad una carrozzeria - che il ricorrente asserisce distante di km 5 - non annulla l'infrazione, perchŔ la conducente ha dovuto assumere dei rischi incompatibili con la normale condotta di un veicolo a motore. Le ragioni che l'hanno distolta dal valersi di una pi¨ vicina stazione di servizio sono irrilevanti.
╚ accertato, e peraltro evidente, che Zocchi ha agito con piena coscienza e volontÓ.

contenuto

documento intero
regesto: tedesco francese italiano

Fatti

Considerandi 1

referenza

Articolo: art. 145 CP