Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 

Regesto

Lesioni colpose gravi (art. 125 cpv. 1 e 2 CP); dovere di diligenza del tecnico addetto alla manutenzione aerea consultato dal comandante di bordo; negligenza (art. 18 cpv. 3 vCP); causalitÓ naturale e adeguata; principio della celeritÓ (art. 29 cpv. 1 Cost. e 6 n. 1 CEDU).
Il tecnico addetto alla manutenzione aerea a cui si rivolge il comandante di bordo per sapere se pu˛ decollare senza rischi con un aeromobile deve o rispondere con tutta la diligenza esigibile da un tecnico della sua formazione o rifiutare di rispondere; non pu˛ fornire indicazioni fondate su elementi incompleti, lasciando al comandante il compito di valutarne l'affidabilitÓ. Anche qualora precisi al comandante di non aver potuto consultare il manuale di manutenzione prima di rispondergli, egli commette una negligenza se afferma che l'apparecchio pu˛ essere messo in moto immediatamente, laddove in quelle circostanze le prescrizioni del manuale di manutenzione lo vietano (consid. 5).
Condizioni alle quali esiste un rapporto di causalitÓ naturale e adeguato tra questa negligenza e le lesioni personali gravi consecutive all'incidente avvenuto immediatamente dopo il decollo dell'apparecchio (consid. 6).
In caso di violazione del principio della celeritÓ, i procedimenti possono essere sospesi solo in casi estremi in cui il ritardo della procedura ha causato all'accusato un pregiudizio di eccezionale gravitÓ; condizioni non adempiute nella fattispecie, l'esenzione da pena essendo sufficiente (consid. 8).

Inhalt

Ganzes Dokument
Regeste: deutsch französisch italienisch

Referenzen

Artikel: art. 125 cpv. 1 e 2 CP, art. 29 cpv. 1 Cost.