Wichtiger Hinweis:
Diese Website wird in älteren Versionen von Netscape ohne graphische Elemente dargestellt. Die Funktionalität der Website ist aber trotzdem gewährleistet. Wenn Sie diese Website regelmässig benutzen, empfehlen wir Ihnen, auf Ihrem Computer einen aktuellen Browser zu installieren.
Zurück zur Einstiegsseite Drucken
Gr÷ssere Schrift
 

Regesto

Art. 16 cpv. 3 e art. 93 Cost.; art. 10 CEDU; art. 3 lett. c e e, art. 10 cpv. 1, art. 18 cpv. 1 LIVA; art. 14 cifra 1 OIVA; art. 68 segg. LRTV; canone di ricezione per la radio e la televisione; assoggettamento all'imposta sul valore aggiunto.
Basi legali relative alle percezione del canone di ricezione per la radio e la televisione (consid. 2). Possono essere assoggettate all'imposta sul valore aggiunto anche prestazioni che lo Stato ottiene per adempiere ai suoi compiti pubblici. Occorre per˛ che si sia in presenza di un rapporto di scambio di prestazioni, non di una sovvenzione (consid. 3).
In ragione dell'evoluzione del diritto radiotelevisivo (consid. 6.3), la qualifica del canone di ricezione quale tassa di regalia non pu˛ essere mantenuta. Chi riceve programmi radiotelevisivi esercita un diritto costituzionale, ragione per la quale non pu˛ sussistere una cessione di diritti giusta l'art. 3 lett. e LIVA (consid. 6.4). Il canone di ricezione non Ŕ nemmeno la controprestazione per una qualsivoglia altra prestazione fornita dalla Confederazione (consid. 6.5). Esso deve piuttosto essere qualificato come imposta vincolata a un determinato scopo o come tributo sui generis (consid. 6.7). Il canone di ricezione non Ŕ assoggettato all'imposta sul valore aggiunto (consid. 6.9).

Inhalt

Ganzes Dokument
Regeste: deutsch französisch italienisch

Referenzen

Artikel: Art. 16 cpv. 3 e art. 93 Cost., art. 10 CEDU, art. 10 cpv. 1, art. 18 cpv. 1 LIVA