Avis important:
Les versions anciennes du navigateur Netscape affichent cette page sans éléments graphiques. La page conserve cependant sa fonctionnalité. Si vous utilisez fréquemment cette page, nous vous recommandons l'installation d'un navigateur plus récent.
Retour à la page d'accueil Imprimer
Ecriture agrandie
 

Regesto

Questo riassunto esiste solo in francese.

DÉCISION D'IRRECEVABILITÉ de la CourEDH:
SUISSE: Art. 6 par. 1 CEDH. Equité de la procédure devant le Tribunal fédéral.

En 2005, le comité anti-dopage de l'union cycliste royale des Pays-Bas infligea au requérant, coureur cycliste professionnel, deux ans de suspension de la compétition ainsi qu'une amende pour s'être dopé. Le Tribunal arbitral du sport (TAS) lui interdit à vie de participer à des compétitions sportives. L'intéressé saisit le Tribunal fédéral qui déclara son recours irrecevable pour vice de forme.
Selon le requérant, le Tribunal fédéral n'a pas examiné en détail les moyens articulés dans son recours et a déclaré à tort son second mémoire irrecevable alors qu'il ne comportait que des modifications minimes.
Etant donné la spécificité de la procédure devant le TAS et le Tribunal fédéral, la restriction au droit d'accès à un tribunal n'était ni arbitraire ni disproportionnée au but poursuivi, à savoir la bonne administration de la justice. Dès lors, ce droit n'était pas atteint dans sa substance même (ch. 26-41).
S'agissant du grief tiré de la motivation insuffisante de l'arrêt, la Cour estime que le Tribunal fédéral a donné suffisamment de raisons à l'appui de sa conclusion selon laquelle le recours devait être déclaré irrecevable (ch. 42-44).
La Cour estime également que le requérant ne saurait se plaindre que le Tribunal fédéral ne bénéficiait pas d'un plein pouvoir d'examen en fait et en droit (ch. 45-48).
Enfin, concernant le grief tiré de l'absence de prononcé public de l'arrêt, la Cour rappelle que des formes alternatives de publication d'un jugement peuvent satisfaire à l'art. 6 par. 1 CEDH, telle la publication de la jurisprudence sur internet (ch. 49-50).
Conclusion: requête déclarée irrecevable.

Sintesi dell'UFG


(3° rapporto trimestriale 2019)

Diritto a un processo equo (art. 6 par. 1 CEDU); privazione del diritto d'accesso a un tribunale indipendente.

La causa riguarda l'esclusione a vita del ricorrente, ciclista professionista, dalle competizioni per doping da parte del Tribunale arbitrale dello sport (TAS). Il ricorrente, che non era assistito da un avvocato, ha impugnato la sentenza arbitrale dinanzi al Tribunale federale mediante un ricorso di diritto pubblico. Il Tribunale federale ha dichiarato irricevibile il ricorso per diversi motivi. Invocando l'articolo 6 paragrafo 1 CEDU, il ricorrente ha lamentato che a) non beneficiando il Tribunale federale di pieni poteri d'esame dei fatti e del diritto, egli è stato privato del diritto di accedere a un tribunale indipendente e imparziale; b) che il giudizio del Tribunale federale non era sufficientemente motivato e che le censure articolate non sono manifestamente da questo state esaminate in dettaglio; c) che il Tribunale federale aveva dichiarato irricevibile la memoria prodotta in quanto non strettamente identica alla prima memoria; d) che il Tribunale non aveva pronunciato pubblicamente la sua sentenza.

La Corte ha osservato che l'esigenza secondo cui la seconda memoria deve essere perfettamente identica alla prima costituisce una costruzione giurisprudenziale, il che non modifica assolutamente il fatto che gli aventi diritto possono essere ragionevolmente a conoscenza di questa regola e seguirla. Per quanto concerne il secondo motivo invocato dal Tribunale federale per fondare l'irricevibilità del ricorso, ossia la mancanza di una motivazione sufficiente della memoria del ricorrente, la Corte ha condiviso il parere del Tribunale federale, secondo cui le osservazioni e le conclusioni del ricorrente non rispettavano le esigenze formali previste, in particolare, dalla legge federale sull'organizzazione giudiziaria. Quanto al terzo motivo dell'irricevibilità, ossia la mancanza di possibilità di successo del ricorso, neppure la Corte l'ha considerato irragionevole. In considerazione di quanto precede e della specificità del procedimento dinanzi al TAS e al Tribunale federale, la Corte ha concluso che la restrizione del diritto di accedere a un tribunale indipendente non era né arbitraria né sproporzionata al fine perseguito, ossia la buona amministrazione della giustizia. Per quanto riguarda la censura sollevata dal ricorrente, secondo cui il Tribunale federale non beneficiava dei pieni poteri d'esame dei fatti e del diritto (a), la Corte ha rilevato che il ricorrente aveva beneficiato di un controllo completo dinanzi al TAS sia in materia di questioni giuridiche che di constatazioni dei fatti, per cui non ha motivo di sostenere che il Tribunale federale non beneficiava dei pieni poteri d'esame. Quanto alla censura sollevata in merito al fatto che il Tribunale federale non ha pronunciato pubblicamente la sentenza, la Corte ha rammentato che la pubblicità della pronuncia può essere sostituita dal deposito presso la Cancelleria del Tribunale, che permette a chiunque di consultare il testo integrale della sentenza, e che forme alternative di pubblicazione di un giudizio possono soddisfare le esigenze dell'articolo 6 paragrafo 1 della Convenzione. Ricorso irricevibile (unanimità).

contenu

Arrêt CourEDH entier
résumé (français)

références

Article: Art. 6 par. 1 CEDH