Avviso importante:
Le versioni vecchie di Netscape non sono in grado di mostrare i grafici. La funzionalità della pagina web è comunque garantita. Se volesse utilizzare frequentemente questa pagina, le raccomandiamo di installare un browser aggiornato.
Ritorno alla pagina principale Stampare
Scrittura aggrandita
 

Regesto

Questo riassunto esiste solo in francese.

SUISSE: Art. 5 par. 1 let. a et e CEDH. Légalité du maintien en détention du requérant dans un établissement pénitentiaire et non psychiatrique.

Le requérant, souffrant de troubles mentaux, a été condamné pour diverses infractions pénales. Sa détention et la prolongation de celle-ci ont été ordonnées par des décisions judiciaires, de sorte que sa privation de liberté a été décidée selon les voies légales. Durant sa détention en prison, l'intéressé a bénéficié de consultations médicales régulières et d'un traitement par neuroleptiques, qui a stabilisé son état de santé et permis sa remise en liberté. La Cour considère que les soins peuvent être considérés comme appropriés et que la détention était conforme au but de l'art. 5 par. 1 let. e CEDH (ch. 44 - 50).
Conclusion: non-violation de l'art. 5 par. 1 let. a et e CEDH.



Sintesi dell'UFG


(1° rapporto trimestriale 2015)

Diritto alla libertà e alla sicurezza (art. 5 CEDU); legalità della detenzione.

La causa riguarda la presa in carico del ricorrente, criminale affetto da turbe psichiche e internato in una clinica psichiatrica, che si era opposto al trattamento ed era stato pertanto incarcerato. Successivamente, il ricorrente si era dichiarato disponibile a seguire un trattamento, ma aveva rifiutato di presentarsi al colloquio propostogli da una clinica psichiatrica. Per questa ragione era stato curato in prigione. Appellandosi all'articolo 5 paragrafo 1 CEDU (diritto alla libertà e alla sicurezza), il ricorrente ha deplorato in particolare di essere stato detenuto in un penitenziario anziché in una casa di cura.

La Corte ha rilevato che la privazione della libertà era stata disposta nei modi previsti dalla legge. Ha constatato di non aver mai rilevato l'esistenza di un problema strutturale in Svizzera riguardo alla presa in carico di criminali affetti da turbe psichiche e ha aggiunto che le autorità hanno preso contatto con diversi istituti disposti ad accogliere il ricorrente a partire dal momento in cui si è dichiarato disponibile a seguire un trattamento. I contatti sono stati interrotti in seguito al rifiuto del ricorrente di presentarsi al colloquio proposto da una clinica. Durante la detenzione, il ricorrente ha beneficiato di regolari consulti medici e di un trattamento con neurolettici, che ha prodotto una stabilizzazione del suo stato di salute e condotto di conseguenza alla sua scarcerazione. Non violazione dell'articolo 5 paragrafo 1 CEDU (unanimità).

contenuto

decisione CorteEDU intera
regesto (francese)

referenze

Articolo: art. 5 par. 1 let