Avviso importante:
Le versioni vecchie di Netscape non sono in grado di mostrare i grafici. La funzionalità della pagina web è comunque garantita. Se volesse utilizzare frequentemente questa pagina, le raccomandiamo di installare un browser aggiornato.
Ritorno alla pagina principale Stampare
Scrittura aggrandita
 

Regesto

Questo riassunto esiste solo in francese.

SUISSE: Art. 8 CEDH, pris isolément et combiné avec l'art. 14 CEDH. Refus de maintenir l'autorité parentale conjointe pour les parents divorcés.

Un père se plaint de ne pas pouvoir continuer à exercer l'autorité parentale conjointe sur ses enfants, suite à son divorce et l'attribution exclusive de celle-ci à son ex-femme. La Cour relève que les autorités internes ont consciencieusement examiné les questions relatives à l'autorité parentale et au droit de visite et statué dans l'intérêt supérieur des enfants. Le requérant a largement pu faire valoir ses arguments par oral et par écrit, était assisté d'un avocat et a pu participer à la procédure pour défendre ses intérêts. L'exclusion de l'autorité parentale conjointe en cas d'opposition d'un des parents appartient à la marge d'appréciation de l'Etat défendeur, qu'elle n'aurait pas été adéquate en l'espèce et que le requérant est au bénéfice d'un droit de visite étendu (ch. 47 - 56).
Conclusion: non-violation de l'art. 8 CEDH.
Enfin, il n'y a aucune inégalité de traitement entre le père et la mère dans l'exigence d'une requête commune pour l'attribution de l'autorité parentale conjointe (ch. 64 - 73).
Conclusion: non-violation de l'art. 8 combiné avec l'art. 14 CEDH.



Sintesi dell'UFG


(2° rapporto trimestriale 2014)

Diritto al rispetto della vita privata e familiare (art. 8 CEDU) e divieto di discriminazione (art. 14 CEDU); procedura di attribuzione dell'autorità parentale congiunta.

Invocando gli articoli 8 e 14 CEDU, il ricorrente ha contestato le decisioni con cui i tribunali nazionali gli avevano negato l'autorità parentale congiunta. Vi vedeva anche una discriminazione fondata sul sesso. La Corte ha constatato che nel caso in questione il ricorrente e sua moglie, dopo la separazione, hanno depositato una domanda congiunta di divorzio, ciascuno sollecitando l'esercizio esclusivo dell'autorità parentale. Nel corso della successiva procedura civile l'autorità parentale è stata attribuita alla madre, mentre al ricorrente sono stati accordati diritti di visita estesi. L'autorità parentale congiunta è stata negata poiché non sarebbe stata nell'interesse dei figli a motivo dell'opposizione della madre, nonché in ragione della buona volontà di quest'ultima riguardo alla concessione di diritti di vista all'ex marito, delle difficoltà del ricorrente ad accettare la separazione dalla moglie e delle pressioni esercitate su di lei. Le autorità nazionali hanno parimenti tenuto conto dei figli e del loro conflitto di lealtà. La Corte ha inoltre constatato che le esigenze procedurali implicitamente previste all'articolo 8 CEDU erano state rispettate e che il ricorrente era stato sufficientemente coinvolto nel processo decisionale. Nessuna violazione dell'articolo 8 CEDU (unanimità).

A parere della Corte, nella motivazione alla base della domanda di autorità parentale congiunta i genitori devono mostrare la loro volontà di collaborare nelle questioni relative ai figli. Entrambi i genitori sono trattati allo stesso modo; non soltanto la madre ma anche il padre ha il diritto di rifiutare l'autorità parentale congiunta. Nessuna violazione dell'articolo 8 in combinato disposto con l'articolo 14 CEDU (unanimità).

contenuto

decisione CorteEDU intera
regesto (francese)

referenze

Articolo: Art. 8 CEDH, art. 14 CEDH